Digital Divide: un terzo delle famiglie italiane non ha un PC a casa.

(0 Voti)
Digital Divide: un terzo delle famiglie italiane non ha un PC a casa. In evidenza

L'attuale emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 ha messo in evidenza l'esigenza di disporre di una strumentazione informatica adeguata ed efficiente per consentire agli studenti la possibilità di seguire le lezioni a distanza, a chi lavora di poter continuare a farlo da casa e a chi desidera svagarsi e relazionarsi con gli altri di avvalersi dell'uso delle moderne app di video chiamata a distanza. 

Alla luce di un sempre più crescente utilizzo di strumentazioni digitali, un recente studio condotto dall'Istat evidenzia una significativa difficoltà a far fronte a queste nuove esigenze, proprio da parte dei cittadini italiani.

Oltre un terzo delle famiglie del nostro Paese non dispone a casa di un tablet o computer. La percentuale scende al 14,3% tra le famiglie in cui vive un minore. Solo il 22% possiede un dispositivo digitale per ciascuno dei propri componenti. 

Ad essere penalizzati maggiormente sono per lo più i nuclei familiari del Mezzogiorno, mentre nelle regioni del Nord le famiglie in cui tutti i componenti hanno un PC (o device simile) si attesta al 26,3%. 

Entrando nello specifico, i dati ISTAT indicano che in generale il 12,3% dei ragazzi tra i 6 e 17 anni è sprovvisto di un PC, il 57% lo condivide con mamma e papà e, appena il 6% del campione, vive in famiglie dov'è disponibile almeno un computer per singolo componente.

Ma l'indagine fornisce un'altro quadro decisamente allarmante, confermando che non si tratta solo di problemi di accesso ai dispositivi tecnologici, ma soprattutto di mancato possesso delle necessarie competenze digitali, oggi sempre più necessarie e richieste dalla moderna società.

Meno di un ragazzo su tre presenta alte competenze informatiche, a differenza delle ragazze che pare possiedano complessivamente livelli leggermente più elevati di competenze in ambito digitale.

Anche dal punto di vista territoriale appare evidente il distacco tra Nord e Sud Italia, con le regioni del Nord - Est che presentano elevati livelli su quasi tutte le principali competenze tecnologiche.